Urbino, Premio Scm press  all'Accademia di Belle Arti

Premio ScM

 

Una iniziativa seminariale di una settimana alla Scuola di Grafica dell'Accademia di Belle Arti di Urbino, dove sono coinvolte, dal 27 al 31 maggio, anche le sedi di Torino, Venezia, Napoli, Catanzaro e centri grafici come la Cartiera Valente di Dueville e L'Officina di Vicenza con una cinquantina di studenti e una decina di docenti. Alla seconda edizione, il workshop di "Fare Carta" con la guida del mastro cartaio Severino Valente e del gallerista Piero Cesarotto è subito in azione: l'obiettivo di "stracci carta e tinozza" è di realizzare la carta buona per tirare le incisioni degli studenti presenti, come da tradizione e da moderne invenzioni. La carta che si faceva e si fa nelle Cartiere Miliani di Fabriano.

Il piano editoriale del seminario, organizzato dai docenti urbinati Giovanni Turrìa e Gianluca Murasecchi, si avvale di visiting professor, presenti anche nel passato a Urbino: Franco Fanelli, Andrea Serafini, Erminia Mitrano. Riccardo Tonti, Giuseppe Iannello. Il programma prevede conversazioni e laboratori: gli studenti lavorano le lastre, preparano le morsure, fanno vedere le prove ai docenti, tirano i fogli che entreranno in una plaquette ben consistente di originali, "Fondere caratteri", con un testo di Gastone Mosci, che è un invito ad amare Urbino e il mondo dell'incisione.

Ma la novità di martedì mattina consiste nel "benvenuto" ai 25 studenti ospiti provenienti dalle altre Accademie nelle sale nobili del Palazzo Ducale, con la compiacenza della Sovrintendenza, sul "giallo di Urbino", sui misteri della "Flagellazione" di Piero della Francesca, una festosa emozione animata da due eccellenti studenti urbinati, Riccardo Bucella e Matteo Spinelli. Anche qualche professore si è accodato al gruppo per poi passare dalla pioggia nelle vie di Urbino agli spruzzi d'acqua delle tinozze di Serafino Valente, che si sente il nonno cordialissimo di tanta gioventù gentile e disposta a fare la carta.

 

Mercoledì 29 maggio alle ore 14.00 presso l'aula magna dell'Accademia di Belle Arti di Urbino nella sede succursale di Giro del Cassero avverrà la cerimonia del Premio Scm press che contribuisce a sostenere la giovane imprenditorialità creativa.
Il premio, alla seconda edizione, è una borsa di studio che consiste in un torchio da stampa della ditta Scm press di Brendola (Vicenza). Quest'anno il premio è conferito alla giovane artista Irene Podgornik già studentessa al corso di Editoria e Illustrazione per la Grafica d'Arte presso l'Accademia di Belle Arti di Urbino.
Gli studenti premiati di anno in anno potranno beneficiare di un significativo contributo per iniziare la loro attività artistica ed incentivare l'attività imprenditoriale nel campo dell'editoria e della produzione di stampe di pregio. La macchina calcografica, che stampa le matrici con le tecniche della tradizione, è al servizio delle più contemporanee espressioni della grafica d'arte.
Il luogo della creazione poetica è quello della produzione industriale. La stampa della tiratura di una cartella d'arte ufficializza la donazione del premio.
La giovane specializzanda destinataria del premio ha costruito l'immagine poetica nei luoghi di produzione nelle 40 ore lavorative settimanali.
La tiratura è stata stampata in fabbrica. Il luogo del collaudo si trasforma così in un laboratorio aperto alle nuove proposte di riflessione sulla produzione e sull'identità del lavoro.
Il lavoro, costante forza propulsiva, incontra l'energia creativa.
L'andatura produttiva insegue la riflessione visiva restituendo un'indagine profonda sul tema preso in esame che darà la possibilità alla giovane artista di esprimere sensazioni differenti rispetto al quotidiano e alla pura creazione artistica.
Le informazioni assimilate e gli input del luogo sono stati per la creazione di un progetto difficilmente realizzabile in studio.

 

Il progetto nasce dall'esigenza di creare un coordinamento tra gli studenti che finiscono il percorso di studi e il mondo dell'impresa. E' importante promuovere differenti tipologie di ricerca per potersi confrontare in modo proficuo con le esigenze della contemporaneità, rilanciando al tempo stesso la grafica d'arte tramite la "stampa monumentale" e la raffinata cura editoriale attraverso la tipoimpressione e letterpress.
Come afferma Sebastiano Guerrera, Direttore dell' Accademia di Belle Arti di Urbino, "è importante cercare di impostare una rete di convenzioni e legami con altre realtà, legate al mondo dell'industria o degli enti pubblici, come è stato fatto negli anni precedenti in occasione ad esempio delle occasioni editoriali create assieme al Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e Federchimica o il Comando Regionale Marche dei Carabinieri, l'Azienda Ospedaliera Marche Nord, promuovendo nuove idee che si basano sul rilancio della grafica nell'editoria del contemporaneo. Le immagini grafiche possono così entrare in azione non solo nel campo dell'arte ma anche come nuovo concetto per creare un sistema attivo di dialogo tra le arti e le imprese".
Proprio per queste nuove finalità la Scuola di Grafica di Urbino è impegnata nell'obiettivo di formare delle nuove figure di professionisti, che sappiano proporsi anche al mondo dell'editoria e della diffusione d'immagini nelle sue poliedriche applicazioni.
Alla premiazione saranno presenti Vittorio Sgarbi presidente dell'Accademia di Belle Arti di Urbino Sebastiano Guerrera, Direttore dell' Accademia di Belle Arti, i professori Giovanni Turria e Gianluca Murasecchi docenti del corso di Grafica d'Arte e la giovane artista marchigiana.

 

Nella medesima occasione verrà aggiornato il bando del concorso nazionale "Premio Accademia small print per la Grafica d'Arte" rivolto a tutti gli studenti delle Accademie e dei Licei Artistici d'Italia, la cui prima edizione avrà luogo il prossimo autunno a Urbino, promosso dall' Accademia di Belle Arti, sostenuto dall'Ersu Urbino, patrocinato dall'Istituto Nazionale per la Grafica, in partnership con Scm Press e "Il Foglio" di Ivan Pengo di Milano che conferiranno alcuni dei premi.



Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter