Urbino | Il Concilio Vaticano II e il dialogo ecumenico con l’Oriente ortodosso

Seminario del Prof. Adriano Roccucci

roccucci

 

Adriano Roccucci, docente di Storia contemporanea presso l'Università di Roma Tre, noto specialista di cultura e religioni slave, ha analizzato, in questi anni, l'incidenza che ha avuto il Concilio Vaticano II sui rapporti tra cattolici e le Chiese ortodosse dell'Europa orientale. La questione non è più soltanto di ordine teorico per l'Italia. La presenza ortodossa nel nostro Paese è cresciuta al punto che gli ortodossi costituiscono ormai la seconda comunità religiosa, dopo i cattolici. A causa dell'immigrazione dalla Romania, dall'Ucraina, dalla Moldavia, dalla Russia e da altre nazioni dell'Europa dell'Est o del Medio Oriente, il nostro Paese si è popolato di consistenti nuclei di fedeli orientali, si vanno costituendo diocesi e si costruiscono quasi ovunque chiese bizantine. L'Italia torna ad essere un Paese in cui le due tradizioni cristiane si incontrano e si intrecciano com'è stato in un passato non lontano. Il Prof. Roccucci presenterà una visione di insieme del retroterra storico e spirituale dell'ortodossia in Italia ed esaminerà quali sono i principali nodi del dialogo tra Chiesa cattolica e Chiese ortodosse.

Il seminario, essendo organizzato dall'Istituto Superiore di Scienze religiose "Italo Mancini", rientra nelle iniziative di formazione e aggiornamento dei docenti riconosciute dall'Amministrazione scolastica. Pertanto, a conclusione dell'incontro, sarà rilasciato, su richiesta, un attestato di frequenza.

 

 

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter