L’Aquila: XXIV edizione ZIRE’ D’ORO 2021

in Cultura

LO ZIRE’ D’ORO 2021 A L’AQUILA SABATO 27 NOVEMBRE

La XXIV Edizione dello Zirè d’oro si apre con la premiazione a personaggi del lavoro e delle professioni de L’Aquila e dell’Abruzzo, un momento di grande richiamo per l’importanza dei personaggi. Ne parliamo perché c’è un rapporto diretto fra due città, L’Aquila e Urbino. Sabato 27 novembre ore 17 Auditorium dell’ANCE in via Alcide De Gasperi 50.

Il cardiochirurgo di fama internazionale Ruggero de Paulis, originario di Paganica, il Presidente ANCE L’Aquila Adolfo Cicchetti, il M° Leonardo de Amicis, il Presidente dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila Rinaldo Tordera, l’artista Mimmo Emanuele, il Direttore della Confartigianato Daniele Giangiulli, Massimo Alesii (AGT Comunications), il giornalista di LAQTV Angelo Liberatore, e Francesco lo Piccolo, Direttore di Voci di dentro, giornale di detenuti, il ristoratore Giuseppe Massari, la commercialista Anna Lisa di Stefano e il panificatore di Poggio Picenze Felice Galeota sono i Personaggi dell’anno che saranno premiati nella serata conclusiva dei Premi L’Aquila Zirè d’oro intitolati ad Angelo Narducci, storico Direttore di Avvenire, poeta e Deputato Europeo nella prima legislatura.

Nella stessa serata saranno premiati i finalisti del concorso letterario così come sono risultati dopo il voto della giuria presieduta da Gastone Mosci, dell’Università di Urbino, e composta dal Presidente ODG d’Abruzzo Stefano Pallotta, Maria Lenti, Germana Duca di Urbino, Fabio Maria Serpilli di Ancona, Liliana Biondi, Goffredo Palmerini, Marilena Ferrone, Maria Silvia Reversi e Mario Narducci dell’Aquila.

Questi i finalisti, in ordine alfabetico, delle varie sezioni del Premio.

Poesia in lingua: Clara Di Stefano, Daniela Fabrizi, Benito Galilea. Racconto in lingua: Elena Galifi, Mariaester Graziano, Maria Grazia Maiorino, Gabriella Nardacci, Monica Pelliccione. Poesia d’amore: Eva Martelli, Vittoria Tomassoni, Gianna Vespaziani. Poesia in Dialetto: Floredana De Felicibus, Arnaldo De Paulis, Antonio Frattale. Racconto in Dialetto: Bruno Benedetti, Giuseppe Placidi. Presidente dei premi Angelo Taffo. G.M.

 

I Premi L’Aquila Zire’ d’oro prendono il via a livello esclusivamente locale nel 1985 sull’onda di una rivista fondata da Mario Narducci e dai suoi fratelli Franco e Pino denominata Lo Zirè, satira, politica, cultura e attualità. Solo dopo alcuni anni, e sempre prestando particolare attenzione all’espressione dialettale, si estendono a livello nazionale includendo alla presidenza della Giuria il grande scrittore Valerio Volpini e il prof. Gastone Mosci nella prestigiosa Giuria.
Dopo la scomparsa di Volpini la presidenza della giuria passò all’ex direttore di Avvenire Angelo Paoluzi. Da tre anni la giuria è presieduta dal Prof. Gastone Mosci di Urbino. Giurato dalla fondazione dei Premi nazionali di cui si celebra quest’anno la 24 esima edizione.
Quando i Premi L’Aquila Zirè d’oro sono nati, si avvertiva l’urgenza di dare alla città dell’Aquila un ulteriore motivo di aggregazione culturale che venisse ad aggiungersi alle storiche istituzioni quali il Teatro Stabile e la Società dei Concerti “B. BRATTELLI”: Ma si avvertiva anche il bisogno di creare un premio che si distinguesse dagli altri sul piano organizzativo ed etico, tenendosi lontano dagli intrecci equivoci che spesso inquinano iniziative del genere,
A partire da questo obbiettivo sono state fatte scelte di grande rigore come la votazione a distanza da parte della Giuria che viene a trovarsi così nella impossibilità di guidare gli esiti del premio, stante anche l’anonimato degli elaborati.
Al Premio hanno sempre partecipato scrittori e poeti di tutta Italia con prevalenza provenienti dalle regioni del centro.
Altra caratteristica, forse unica a livello nazionale, è quella che nella serata conclusiva vede tra i premiati espressioni del mondo delle professioni e del lavoro che in qualche modo si siano distinti durante l’anno per meriti particolari. Una idea vincente, quella di premiare nella stessa serata le espressioni del modo della cultura e del lavoro, a significare un sottile rapporto esistente tra le parti per una crescita equilibrata della società. Infine è da notare il grande radicamento del premio nel territorio e altra la gente dell’Aquila che vi partecipa sempre numerosa come a cosa propria. M.N.

CLASSIFICA GENERALE DI TUTTE LE SESSIONI LETTERARIE

 

POESIA IN LINGUA

1- BENITO GALILEA N. 115 –  Roma

2- DANIELA FABRIZI N. 166 –  Roma

3- CLARA DI STEFANO N. 162 – L’Aquila

 

RACCONTO IN LINGUA

1- EX AEQUO, MARIA GRAZIA MAIORINO N. 121 – Ancona

1- EX AEQUO MARIAESTER GRAZIANO N. 160 –  L’Aquila

2- GABRIELLA NARDACCI N. 188 –  Roma

3- ED AEQUO MONICCA PELLICCIONE N. 125 – L’Aquila

3- EX AEQUO ELENA GALIFI N. 49 – Roma

 

POESIA D’AMORE

1- EA MARTELLI N. 110 – Lanciano

2- GIANNA VESPAZIANI N. 82 – L’Aquila

3- VITTORIA TOMASSONI N. 80 – Rieti

POESIA DIALETTALE

1- ARNALDO DE PAOLIS N. 130 – Tornimparte

2- ANTONIO FRATTALE N. 135 – Coppito

3- FLOREDANA DE FELICIBUS N. 142 – Atri

 

RACCONTO DIALETTALE

1- GIUSEPPE PLACIDI N. 58 – L’Aquila

2- BRUNO BENEDETTI N. 185 – Palombara Sabina